Skip to content Skip to footer

I Teatri nel Delta del Po

I teatri polesani vengono realizzati nei primi decenni dell’Ottocento, in un periodo storico di grande fermento culturale: nel 1813 Adria, nel 1814 Lendinara e Badia e nel 1819 Rovigo.
Il Teatro Sociale di Badia Polesine ospita ancor oggi al suo interno bellissime decorazioni e dipinti e il palcoscenico con i macchinari in legno originari; per i bellissimi fregi in foglia d’oro che decorano gli ambienti interni è stato soprannominato “Piccola Fenice” o “scatola d’oro”.
Il “Granarazzo” di Lendinara fin dal XIV secolo era un edificio impiegato per il deposito di biade e vettovaglie; fu acquistato nel 1812 da Girolamo Ballarin e trasformato in teatro. Oggi il Teatro Ballarin – dopo un lungo periodo di inattività e dopo un attento restauro – è divenuto il fulcro delle attività culturali del paese.
Nessuna traccia invece degli edifici teatrali ottocenteschi della città di Adria dove oggi è attivo – con un ricco calendario di eventi e rappresentazioni – il Teatro Comunale, inaugurato nel 1935. Venne inaugurato il 23 agosto 1884 invece il Teatro Cotogni di Castelmassa con l’opera “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini e la partecipazione straordinaria del famoso baritono Antonio Cotogni.
Tra tutti spicca per bellezza e per prestigio il Teatro Sociale di Rovigo, realizzato fra il 1817 ed il 1819 e, dopo alterne vicende, inaugurato nella sua forma attuale in stile liberty da Pietro Mascagni, che vi diresse la propria “Iris” il 12 ottobre 1904.

Consorzio Deltapoolservice © 2020.
Via Matteotti,40 45012 Ariano nel Polesine (RO) Tel. +39.346.686.8151 – Fax. +39.0426.373246. P.iva/C.f. 01367390299